diario di una donna ammaccata ancora in piedi……

…Wow,manco da un pò di tempo e qui è tutto cambiato!!!Scorro le pagine avidamente qua e là ,,alcuni “amici”,persone che mi affascinano per ciò che scrivono e altre per come lo scrivono,e vedo tante cosine nuove,animazioni,qualcuno ha il sottofondo musicale…però,un sorrisetto ebete mi si stampa sul viso seguito dalla consapevolezza che sono rimasta indietro….ed ora come faccio ad inserire tutte queste belle cosine?Per quei pochi che mi hanno seguito è nota la mia “non abilità” al pc…Va bè basterà rimboccarsi le maniche e provare a rinnovare il mio povero blog oramai abbandonato….Ma ci sono sempre,anche se la mia vita è totalmente cambiata.In meglio?Direi indubbiamente di si…Internet solo un po di tempo fa occupava gran parte del mio tempo libero,e considerato che ne avevo parecchio,occupava gran parte delle mie giornate…Quando scoprii i blog mi sembrò di scoprie l’america,abbandonata la chat perchè diventata troppo volgare e non adeguata alle mie esigenze di comunicazione trovai un altro mondo in cui tuffarmi,un mondo magnifico intendiamoci,ma pericoloso,ho gioito con i blog,ho anche sofferto con i blog,e forse in modo inspiegabile ho anche amato….ma quando un giorno esci dal tuo bozzolino,e incontri una persona meravigliosa che ti fa vivere appieno la vita,che ti fa ritornare con i piedi per terra,ragazzi,è tutta un’altra cosa!!!Internet è uno strumento meraviglioso io non lo rinnego,a volte può anche essere un’ottima compagnia,ma le emozioni vere si vivono sulla pelle!Ora posso affermarlo con sicurezza,sono stata anch’io una delle tante persone che si stupiva di quanto fosse bello conoscere una persona dall’altra parte dello schermo che potesse suscitare delle senzazioni e delle emozioni fortissime che non dico non siano autentiche,ma quando spegni il pc,le emozioni si spengono con lui…Comunque non è mia intenzione tediarvi con un monologo su un argomento che poi è soggettivo….
La mia esperienza qui è iniziata perchè amo scrivere ed era bello confrontarsi con altre persone che ti davano un consiglio,un abbraccio virtuale di conforto,una critica,a volte anche gratuita dettata solo dall’invidia o solo per disturbare,perchè nel web,come nel mondo reale,gli elementi di disturbo esistono è un dato di fatto!Ma andava bene tutto…Oggi questo mondo mi manca un pò,e per questo ho deciso che “forse tornerò”,non so se qui o in un altro magari più frivolo,questo è un pò pesante,rispecchiava la mia vita di allora…o magari continuerò sempre qui del resto è comunque il corso della mia vita….
Anche se è cambiata,è il corso naturale degli eventi credo…
Ho trovato una persona in cui noto lo stesso mio bisogno di eccedere, lo stesso desiderio di prendere a schiaffi il mondo, la stessa esitazione nel chiedere di più agli altri e la stessa fragilità cosparsa di orgoglio quando non lo ottieni.

Ho trovato in lui la mia stessa curiosità nei confronti della vita. La sento pulsare in quella luce intima e silenziosa che ti spinge a cercare il piacere profondo oltre ogni sottile piacere. E quella luce non è negli occhi, ma sulla pelle. Ed in quell?alone di stravaganza che avvolge i suoi gesti e le sue parole e nella maniera così inusuale che ha di mantenere timidamente le distanze e di cercare al tempo stesso un punto di contatto radicato nelle intuizioni reciproche, nell?intesa arginata da una premurosa cautela e nella complicità alimentata da coincidenze interiori che non hanno bisogno di esempi per essere spiegate.
Non necessariamente un viaggio è sinonimo di conoscenza di nuovi territori, nuove culture, nuove persone. Talvolta la vera scoperta comincia durante il ritorno. E t?accorgi che ci sono paesaggi, nella tua isola, di cui avevi distrattamente trascurato le sfumature.
E? quì che comincia il vero viaggio di scoperta: nell?istante in cui s?accende negli occhi la volontà di ridipingere quei colori sbiaditi, di recuperare quegli abbracci perduti, di riaccendere di rosso intenso le tue parole più vere.
E se sorrido è perché oggi….mi piaccio così.

13 Gennaio 2011 at 14:09 | Commenti disabilitati | Permalink

…e così dopo tre anni e mezzo di convivenza ci siamo decisi a fare il grande passo……..è stato strepitoso…..bisognerebbe rifarlo ogni anno ,non credo di riuscire ad esprimere bene a parole le emozioni che mi hanno travolto…si travolto è il termine giusto,una dopo l’altro,quasi da toglierti il respiro……Il giorno precedente il matrimonio,si sa ,è famoso per il grosso carico di ansia che affligge gli sposi,sia per l’emozione sia per la moltitudine d’impegni ai quali sono sottoposti…e noi non siamo stati da meno,da mettere in evidenza anche l’imprevisto di un dente spaccato(della sposa)alle nove il nervosismo era alle stelle e avevo pure finito le sigarette….vado a comprarle…NO! dicono i parenti in coro…ma che ci sarà mai una sorpresa dal tabaccaio mi chiedo io…..ma non riesco a stare ferma,ho bisogno di fare qualcosa per non diventare isterica,li sto facendo impazzire me ne rendo conto,le tentano tutte per farmi stare ferma al mio posto alla fine mi buttano letteralmente tra le braccia la nipotina di un mese…..ad un certo punto dal giardino sento le note di "non potho reposare" accompagnate dai violini..corro alla finestra e non credo ai miei occhi….una serenata in piena regola,lui al centro con un fascio di rose rosse,dietro gli amici…..un mare di lacrime e emozioni….una sorpresa meravigliosa ……ho scaricato tutta l’ansia e il nervosismo e sono andata a dormire leggera e serena……la mattina dopo sveglia alle sette ,preparativi,trucco ,parrucco, vestizione…alle 10.30 sono pronta in perfetto orario…arriva lui,con uno splendido tight bianco…..dopo un elegantissimo baciamano mi dona il mazzolino e insieme partiamo alla volta della chiesa…..una volta arrivati uno dei miei sogni viene esaudito,non dimenticherò mai la traversata della navata al braccio di mio padre,tutte e due tremanti ed emozionati…..e poi mi ritrovo davanti all’altare….la messa scorre veloce, arriva il momento di dire si,sono tre sfilano via uno dietro l’altro,poi è la volta delle promesse tiro un grosso respiro e riesco ad arrivare alla fine della lettura…ancora un’altra parola e la voce si sarebbe spezzata……

» Continua la lettura

25 Ottobre 2008 at 11:33 | Commenti & Trackbacks (2) | Permalink

 

» Continua la lettura

26 Giugno 2008 at 12:58 | Commenti & Trackbacks (2) | Permalink

Scrivo perché ne ho bisogno, perché tutto corre veloce, perché non ho tempo di fissare l’attimo. Perché ho bisogno di un punto fermo ed il solo che mi concedo è qui, in questo blog.Un blog che langue in un mondo che mi manca, perché davvero non riesco a navigare tra le parole scritte da altri: faccio già fatica a scrivere le mie. Ma ho bisogno di scrivere: devo fissare l’attimo. L’attimo in cui sono sola con me stessa.

» Continua la lettura

8 Novembre 2007 at 18:13 | Commenti & Trackbacks (6) | Permalink


….Non si puo’ dire che non influisca, sono diventata troppo introspettiva, meno superficiale, piu’ complessa, a volte rimpiango il mio essere piu’ leggera e superficiale dell’adolescenza, ma succede solo a tratti, in fondo credo mi ci voglia solo un periodo di assestamento, piu’ avanti trovero’ un equilibrio tra questi pensieri filosofici e il mio essere semplice sognatrice di un tempo.
Infatti ancora sogno, forse oggi sogno in maniera diversa, prima fantasticavo, adesso invece cullo il sogno come un qualcosa di possibile, di perseguibile, un qualcosa a cui tendere realmente, insomma sogni realizzabili, come quello di riprendermi in mano la mia vita o quello ancora piu’ dolce di vivere l’amore.
E’ questo mio voler smettere di drogarmi e stordirmi con le fantasticherie, e pensare ai sogni realizzabili, che un po’ mi ha destabilizzato emotivamente, ne son certa..
Le due dimensioni sono differenti, il fantasticare correva nel suo bel binario, parallelo a quello della mia vita, senza mai incrociarlo realmente, oggi il sogno attraversa spesso il binario della mia vita, facendo cambiare direzione ai miei pensieri veri…
Tutto cio’ mi ha riempito il cuore, e ha dato valore ai sentimenti , ai miei a quelli degli altri, mi ha fatto capire l’importanza delle persone che mi hanno voluto bene e di chi ancora me ne vuole, come non ringraziare chi mi ha aperto cuore e occhi?

Solo per te:

Ti ho dentro, come luce in una stanza, come profumo addosso, come neve……e questa sensazione mai passera’, mi piace saperlo, mi piace sognarlo.

25 Marzo 2007 at 18:45 e taggato , , , ,  | Commenti & Trackbacks (10) | Permalink


Mi sono persa inseguendo sogni per campi minati.
Ho mirato troppo in alto mancando il bersaglio e abbattendo speranze che volavano in cerchio, avvoltoi sulle carcasse di desideri inespressi.
Mi sono persa oltre gli strati ruvidi della memoria.
Nei risvolti di pensieri abbandonati tra le pagine di quaderni.Dimenticati ,poi, su qualche treno diretto verso stazioni deserte.
In un fiato che appanna le finestre dell’Io.
In ondulazioni d’aria.
Formiche di pensieri su briciole di memoria.
Alito che sugge la forza.
Ho speso energie che non avevo, facendo debiti con il mio futuro che non potrò saldare.
Ho pianto fino alla disidratazione, patendo lo strazio del ferro ritorto sfilato dalla mia anima.
Ho sentito l’eco di me stessa scendere scale, risuonare in cantine umide, muffe di sofferenze che non ho consumato per mantenermi sobria e proseguire.Nella speranza,forse,che evaporassero o che il tempo ne smorzasse le note più aspre.
Ovunque tentassi la fuga, dovevo trascinarmele appresso.Un carico ingombrante,incompiuto…un’eterna sensazione di irrimediabilità!
Invece oggi vivo!Ho riscoperto anche l’amore,forse non quello pieno,appagato dalla presenza, bensì quello vagamente onirico costellato di istantanee del ricordo; di brividi fugaci che la pelle ha trattenuto nelle sue cellule;di essenze,da ricercare nelle trame degli indumenti che si frapponevano ai nostri ultimi abbracci.
I tuoi abbracci!
Le tue braccia: archi gotici che puntellano il fragile edificio della mia personalità, alberi di nave su cui issare le vele per salpare verso un orizzonte senza porti d’attracco, dove ciò che conta è la navigazione e non l’approdo!

11 Marzo 2007 at 18:36 e taggato ,  | Commenti & Trackbacks (5) | Permalink


Stamattina mi sono svegliata con questo nella testa. Non credo si debba essere freddi mai, meglio assaporare il tutto, sentire quel sapore inconfondibile di vita che ti sfiora la punta della lingua, poi si espande sui lati della stessa e ti riempie la bocca, scivola giù e senti tutto tra cuore e stomaco, un incredibile sollievo e insensato senso di gioia, o un peso insostenibile che pare non voler più muoversi da lì e ti cresce la paura di non essere capace di metabolizzarlo. Se sei abbastanza forte, se il dolore non è così enorme si passa oltre e si guadagna la bellezza che sta dietro ad ogni momento brutto. Lo sconforto di ogni momento brutto è solo una parte di questo e forse nemmeno la più importante, passando oltre si apre un nuovo mondo, incredibili possibilità creative nuove. Spesso però si rimane impantanati nella parte bassa e brutta senza riasalire la china e si riesce solo a continuare a vivere in un loop. Come girare nella stessa identica rotonda senza decidere la direzione da prendere. Un po’ rinunciare, chiudere la porta alle emozioni, scegliere di perdere l’infantile curiosità di vedere cosa c’è oltre un muro davanti a noi, e poi ancora oltre quell’altro muro e ancora, ancora senza smettere mai di chiedersi il perchè delle cose, senza sentirsi soddisfatti mai di un presente che ci pare soddisfacente, ma che potrebbe portarci ad un futuro così felicemente inaspettato o ad un tracollo, perchè no, che ci costringerebbe a ricreare un nuovo noi stessi e così di seguito. Se un loop ci deve essere forse deve essere questo, un continuo costruire e distruggere (magari il meno possibile) noi stessi, forse è l’unico modo per non essere un mare senza onde, una noia infinitamente inutile, il solito piatto già assaggiato….

16 Febbraio 2007 at 12:35 e taggato ,  | Commenti & Trackbacks (3) | Permalink


Anche se non sono molto presente sul blog lo sono nella vita di tutti i giorni…..
il natale oramai è solo un ricordo sbiadito,come l’albero che quest’anno era davvero perfetto (l’ho fatto io(addobbi compresi) non poteva essere altrimenti:))Anche il natale è stato perfetto,così come il capodanno,mi sono circondata dalle persone a cui voglio bene,che poi sono quelle con cui riesco a sentirmi davvero a mio agio….
L?anno nuovo comincia così. Comincia col calore di chi mi vuole bene,Comincia per strada, con nessuna voglia di dormire e tanta di riscattare un anno non tanto brutto ma difficile da superare in certi momenti. Comincia con la spensieratezza che ti regala stare in mezzo alla gente che conosci, comincia con i discorsi semi-seri fatti davanti a un bicchiere di buon vino , con lacrime di commozione e con la promessa di esserci sempre. Comincia con la mia confusione di vita, con la mia incredulità verso l?affetto che mi gira intorno, con la commozione nascosta, con pensieri che ormai sono sempre più lontani, che sono pensieri solo se ci penso.
L?anno comincia dov?era finito il precedente, con questo mio abituale miscuglio di sentimenti ma sgomberando il tavolo dagli oggetti superflui per fare spazio, sempre più spazio, a quelli preziosi.
Ben ritrovati a tutti.

17 Gennaio 2007 at 12:21 e taggato , ,  | Commenti & Trackbacks (3) | Permalink


………sette giorni a natale….sette giorni che aspettano l’arrivo di un natale finalmente felice e sereno…..non sarà più una festa drammatica come accadeva da un pò d’anni a questa parte,non sarà più lamentarsi e desiderare di avere una bacchetta magica per far sparire tutto e tutti,l’atmosfera festosa,le persone che come formiche corrono nevroticamente in tutte le direzioni,facendoti sentire inadeguata e sofferente,non sarà più desiderare di chiudere gli occhi il primo dicembre e poterli riaprire l’otto gennaio,quando la cara epifania tutte le feste si porta via….
Non c’è un motivo preciso per poter giustificare questo stato di benessere che permane,ce ne sono tanti,è come se ogni tassello avesse trovato finalmente la giusta collocazione,certo ne mancano ancora tanti ,ma quelli non sono preoccupanti,riguardano il futuro e piano piano ognuno troverà la sua sistemazione,gli altri sono incastrati alla perfezione,un puzzle liscio e splendido,senza tesserine mancanti,senza pezzi incastrati forzatamente perchè simili a quello giusto.
Voglia di assaporare le cose semplici della vita,gli affetti più cari e vicini,voglia di vivere la vera essenza di questa festa che in questa circostanza avvolge davvero tutto con una sorta di magia,credo che se mi concentrassi potrei vedere babbo natale con le renne sopra la mia testa….Tranquillizzatevi non ho preso nessun tipo di acido o droga,è solo che… semplicemente sto bene!!Sapere che la vita scorre e io ci sono dentro, ancor viva, ancora in piedi, ancora piena di cose belle da dare…e da ricevere…penso a quando rivedro’ persone a cui voglio bene e che non incontro da tempo…Io credo che se qualcuno ti pensa in qualche modo lo senti, lo percepisci, a livello inconscio…cosi’ come percepiamo i disagi nelle persone amate ancor prima che parlino…capirsi e’ una lunga strada fatta di ostacoli e salite ma quando impari a vedere le cose con gli occhi del cuore anche le situazioni piu’ difficili si risolvono…basta volerlo, basta crederci…
Dentro ciascuno di noi ci sono le risorse per essere felici e per stare bene….e’ importante crederci, lavorare sempre e in primo luogo per la nostra serenita’ interiore…non e’ facile, ma indispensabile per poter dare il meglio di se’ agli altri, e soprattutto per poter ricevere…e’ importante trovare dentro se’ stessi uno spazio libero da pensieri e paure, dove ricaricare il proprio spirito…
Ci sono dei giorni in cui si ha la sensazione di non farcela…di non riuscire ad andare avanti…mi succede quando temo di non riuscire a soddisfare le aspettative di chi mi sta vicino…quando sento che l’affetto e’ condizionato dall’ottenimento di alcune cose piuttosto che altre…mentre penso che volersi bene dovrebbe essere una condizione primaria dello stare insieme, piu’ importante del resto…perche’ se c’e’ quello, se c’e’ comprensione, stima, rispetto, tutto il bello viene da se’ e anche le difficolta’ piu’ grandi possono essere superate…quando senti che c’e’ amore intorno a te la vita si colora di mille sfumature, capisci cos’e’ importante e cosa lo e’ meno, hai tante energie positive…spesso ce ne dimentichiamo e viviamo con il pilota automatico rincorrendo orari, scadenze, incombenze…verificando e soppesando parole ed emozioni… Ci dimentichiamo di VIVERE……
Buon Natale a tutti!!

18 Dicembre 2006 at 09:37 e taggato , ,  | Commenti & Trackbacks (5) | Permalink


Per qualcuno sono una persona strana, per altri una persona diversa, per altri semplicemente una persona…
Alcuni mi accettano, altri mi snobbano, altri mi sopportano….
Una cosa è certa! Sono difficile da digerire,da metabolizzare, con le mie certezze dichiarate, che paiono più spesso frutto di arroganza e di superbia che di realtà comprovata e comprovabile….
Di fatto, da sempre, ho una sensibilità diversa, percepisco cose che molti, increduli, pensano frutto della mia fantasia..
Niente di eccezionale! solo sento se qualcuno che amo sta male… (mi sento chiamare!)…sento quando posso intervenire in qualche accadimento e mutare il corso degli eventi….sento quando, al contrario, ho le mani legate e devo stare a guardare….
Si sa, a volte preferiamo nascondere la testa sotto la sabbia e fare finta che tutto vada bene,anche se mille segnali ci dicono l’opposto…
Questo è uno di quei momenti..un’amica,una carissima amica..non dico che ha bisogno del mio aiuto,o forse si,anzi probabilmente ne sono assolutamente convinta,il problema è che io non riesco a nascondere la testa sotto la sabbia,il problema è che se io non le dico ciò che sento e penso uno di questi giorni esploderò,il problema più grave è che lei non vuole sentire…..
La cosa più semplice da fare dovrebbe essere di farmi gli affaracci miei e per una volta togliermi il costume da “paladina dell’amicizia”, e fare in modo che ognuno impari dai propri errori… Sperando che non si faccia troppo male…..

21 Novembre 2006 at 00:09 e taggato ,  | Commenti & Trackbacks (12) | Permalink